Passengers

 Paese    USA
 Lingua    Inglese
 Anno    2016
 Durata    111 min

Passengers è un film di fantascienza uscito il 30 dicembre, concludendo così il 2016 cinematografico. I protagonisti della pellicola sono Jennifer Lawrence e Chriss Pratt.  L’attrice del Kentucky si è fatta conoscere al grande pubblico per la saga Hunger Games e per aver interpretato il ruolo di Mistica nei film X-Men Giorni di un futuro passato e X-Men Apocalisse. L’attore nato in Minnesota 37 anni fa è diventato famoso grazie ai ruoli da protagonista in Jurassic Word  e I Guardiani della Galassia. Il regista di Passengers è Morten Tyldum, alla sua settima pellicola. Tra i film che ha diretto, il più importante è The Imitation Game del 2015.

La nave Avalon sta compiendo un viaggio verso il pianeta Homestead II sul quale verrà formata una nuova colonia. Cinquemila persone, compreso l’equipaggio, sono state ibernate nelle capsule e verranno svegliate tra 90 anni, quando è previsto il loro arrivo.  Durante uno scontro con un meteorite, succede un incidente imprevisto che sblocca una capsula.  A svegliarsi con 90 anni di anticipo è il meccanico Jim. Per un anno, si ritrova a vagare da solo per la nave, fino a quando egoisticamente decide di aprire la capsula della giornalista Aurora. I due passeggeri, scoprono che a rischiare la vita sono anche le cinquemila persone che si trovano nelle capsule. Un buco nella nave rischia di farla esplodere.

In questa pellicola c’è una breve apparizione di Laurence Fishburne, il Morpheus di Matrix, e un piccolo cameo di Andy Garcia nel ruolo di uno dei cinquemila passeggeri della nave. Nel cast è presente anche Michael Sheen, conosciuto per il ruolo del Primario di ginecologia William Master che decide di fare una ricerca sulla fisiologia del sesso. In questa pellicola interpreta il ruolo del barista robot.

Questo non è il solito film alla Star Wars, quindi può essere apprezzato anche da chi non è amante come me  delle pellicole fantascientifiche.  Trama ben strutturata e ottima scelta del cast. Con  Jennifer Lawrence e Chris Pratt il successo è assicurato. Se volete vedere un film  e non sapete quale scegliere, con Passengers andrete a colpo sicuro.

 

Voto: 3/5

 

 

Una serie di Golden Globes

A Los Angeles questa notte è andata in scena la premiazione dei Golden Globes 2017. Alla cerimonia che precede quella degli Oscar era presente il meglio del cinema e delle Serie Tv. Per quanto riguarda le premiazioni delle varie categorie, si sono alternate varie star sul palco. Tra queste possiamo citare Meryl Streep, Sting, Vince Vaughn e Michael Keaton che in questo inizio di 2017 sarà nelle sale con il film The Founder basato sulla storia della McDonalds.

Per quanto riguarda la televisione, il premio come miglior serie drammatica in questi Golden Globes è andato a The Crown basata sulla vita di Elisabetta II e della famiglia reale britannica. Il favorito della vigilia in questa categoria era Il trono di Spade giunto alla settima stagione. Nella categoria miglior attrice in una serie drammatica ha vinto Clayre Foy per la sua interpretazione della regina Elisabetta II in The Crown. IL premio come miglior attore in una serie drammatica è stato consegnato a Billy Bob Thornton per  Goliath un legal drama prodotto da Amazon.  

Nella categoria miglior serie commedia o musical la vincitrice è stata Atlanta che narra le vicende di due ragazzi che cercano di farsi largo tra i rapper della città di Atlanta. Il premio come miglior attrice in una serie commedia o musical è andato a Tracee Ellis Ross per la serie Black-ish. In questa categoria ha ricevuto la nomination anche Sara Jessica Parker protagonista della serie Divorce. Come miglior attore protagonista in una serie commedia o musical ha vinto Donald Glover per Atlanta.  

Il premio come migliore miniserie o film per la tv è stato vinto da American Crime Story: Il caso O.J. Simpson. Quello come miglior attrice in una miniserie o film della tv è andato a Sara Paulson protagonista femminile di American Crime Story: Il caso O.J.Simpson.   Per la categoria miglior attore in una miniserie o film per la tv  è stato premiato Tom Hiddleston protagonista di The Night Manager e conosciuto dal grande pubblico per le sue interpretazioni nel ruolo di Loki nella  saga Marvel Thor e  nei due film sugli Avengers The Avengers e Avengers: Age of Ultron. Come miglior attrice protagonista in una miniserie o film per la tv è stata premiata Olivia Colman per The Night Manager. Sempre per la stessa serie tv è stato premiato Hug Laurie conosciuto al grande pubblico per il ruolo di Dottor. House, nella categoria miglior attore non protagonista in una miniserie o film per la tv.

Per quanto riguarda il cinema il film che ha ricevuto più premi è stata la commedia musicale La La Land, la quale ha vinto i premi come miglior commedia o musical, miglior regia, miglior sceneggiatura, miglior attrice in una commedia o musical andato a Emma Stone, miglior attore in una commedia o musical andato a Ryan Gosling, miglior colonna sonora e miglior canzone. Per quanto riguarda gli altri premi, per la categoria miglior film drammatico il vincitore è stato il film Moonlight, come miglior attrice in un film drammatico ha vinto Isabelle Huppert per Elle, miglior attore in un film drammatico ha vinto Case Affleck protagonista della pellicola Manchester by the Sea, migliore attrice non protagonista Viola Davis per Barriere, miglior attore non protagonista Aaron Taylor-Johnson per Animali Notturni, miglior film animato Zootropolis e miglior film straniero Elle.

Durante la cerimonia è stato consegnato anche il Golden Globes alla carriera a Meryl Streep. Siete d’accordo con le assegnazioni? Voi a chi li avreste dati i premi per le serie tv e il cinema? Scrivetelo nei commenti all’articolo.

 

Collateral Beauty

 Paese    USA
 Lingua    Inglese
 Anno    2016
 Durata    94 min

Tra i film più attesi del 2017 in Italia c’è Collateral Beauty. Il regista ha riunito in questa pellicola un cast stellare.  Oltre a Will Smith, ci sono altri candidati all’Oscar come Edward Norton, Keira Knightley e i premi Oscar Kate Winslet e Helen Mirren.  

Il protagonista della pellicola diretta da David Frankel è un pubblicitario newyorkese che che vive una profonda tragedia personale, come la morte della figlia. Nonostante sia passato molto tempo, lui non riesce ancora ad elaborare il lutto.  I suoi colleghi, per farlo uscire definitivamente dalla depressione,  escogitano un  piano fuori dagli schemi che aiuterà l’uomo in un modo che nessuno avrebbe mai immaginato.  Per attuare il loro piano Whit, Simon e Claire chiedono aiuto a tre attori che stanno preparando una commedia in un piccolo teatro.  Keira Knightley dovrà impersonare l’amore, Helen Mirren la morte e Jacob Latimore, il ragazzo di colore che vive in un quartiere disagiato di New York nel quale regna la delinquenza, il tempo.  Howard quindi si ritroverà a parlare con le fasi da lui vissute e alle quali in questi anni ha inviato delle lettere. 

In questa pellicola vengono messe più in risalto le storie dei colleghi di lavoro, che il dramma del protagonista. Secondo me lo sceneggiatore del film doveva mettere più in risalto la morte della figlia di Howard, incentrarlo maggiormente sul suo dolore e sul fatto che ormai la vita per lui non abbia più senso. Questa è la nota negativa all’interno della sceneggiatura. 

Per David Frankel, questo è il dodicesimo film da regista. Lui, nella sua ventennale carriera dietro la macchina da presa, ha diretto pellicole di vari generi, spaziando dalla commedia, al drammatico, per poi arrivare alla fantascienza e all’avventura. Non è, come alcuni suoi colleghi registi, legato ad un solo genere cinematografico. Comunque tra le pellicole dirette da David Frankel possiamo ricordare Il Diavolo veste Prada del 2006 con Meryl Streep e Anne Hathaway e Io e Marley del 2009 con Owen Wilson e Jennifer Aniston.

Il film uscito nelle sale americane il 16 dicembre , in Italia esce  il 4 gennaio.  Will Smith torna al cinema dopo  aver interpretato il ruolo del criminale Floyd Lawton nell’action movie  Suicide Squad.  Per la prima volta l’attore afroamericano si trova a lavorare con Helen Mirren, Kate Winslet, Keira Knightley  e Edward Norton.  Già la scelta del cast è garanzia di successo.  Negli Usa il film è stato criticato e al botteghino non ha avuto molto successo, al contrario di ciò che è accaduto in Italia. Si vede che da noi questi drama mischiati con il genere fantastico sono più apprezzati. Un altra spiegazione del successo del film nel nostro paese, può essere anche la sue bellezza collaterale. Questa è una pellicola che mi sento di consigliare, anche se non è la migliore di Will Smith. 

Voto:3,5/5

 

 

 

Fuga da Reuma Park

 Paese    ITA
 Lingua    Italiano
 Anno    2016
 Durata    90 min

Aldo, Giovanni e Giacomo, tornano con il loro nuovo film Fuga da Reuma Park uscito nelle sale il 15 dicembre. La pellicola è un’omaggio ai loro 25 anni di carriera del trio comico. Nel film, Aldo, Giovanni e Giacomo, si ritrovano in un Luna Park abbandonato  adibito a Ospizio. Questo centro per anziani è gestito da un’infermiera russa che non li lascia mai in pace. I tre amici però inscenano un piano per fuggire, ritrovandosi per le strade del centro di Milano.  In una delle scene iniziali si vede Ludmilla, colei che accudisce gli anziani, prendere a calci il povero Giovanni, dal tragitto che va dall’alloggio di Giacomo fino al tendone dove si svolge la festa di natale. Nel film fanno una breve apparizione anche Salvatore Ficarra e Valentino Picone. Il duo comico, interpreta i figli di Aldo che accompagnano il loro anziano padre allo Ospizio direttamente in macchina dalla Sicilia, attraversando quasi tutta l’Italia. 

In questa pellicola ritroviamo anche alcuni personaggi che hanno reso famosi Aldo Giovanni e Giacomo come i Sardi, Rolando, i Bulgari. Possiamo dire una vera e propria operazione nostalgia trasportata al cinema. Un film senza un vero e proprio copione, basato tutto sull’improvvisazione. I personaggi degli anziani erano ricorrenti nei loro spettacoli teatrali. Quindi non hanno avuto difficoltà a trasportarli al cinema.  In questa pellicola si sono anche cimentati con la regia. 

Fuga da Reuma Park è uno dei migliori film fatti da Aldo Giovanni e Giacomo. Nel precedente, Il Ricco, il Povero e il Maggiordomo, non mi avevano convinto, nonostante un discreto successo nelle sale. Questo invece lo consiglio. Un film per tutta la famiglia. Andatelo a vedere a cinema se qualche multisala lo trasmette ancora oppure potete tranquillamente trovarlo in streaming. O sullo schermo di un pc o su quello di una sala cinematografica, le risate sono comunque assicurate. 

 

Voto: 2,5/5