In arrivo su Netflix The Punisher una nuova serie targata Marvel

The Punisher

Entro la fine del 2017 sulla piattaforma streaming Netflix potremo trovare la prima stagione di The Punisher la nuova serie targata Marvel. Il personaggio di Frank Castle lo abbiamo già visto nella seconda stagione di Daredevil. Nel cast di The Punisher dovrebbe esserci anche l’attrice Deborah Ann Woll, che gli appassionati di serie tv conoscono per il personaggio di Jessica, vampirizzata da Bill Compton  nella serie HBO  True Blood e per il ruolo di Karen Page in Daredevil.

Frank Castle, noto come The Punisher, dopo aver vendicato la sua famiglia scopre una cospirazione che non coinvolge soltanto la criminalità di New York.  Vedremo come questa nuova serie Marvel ideata da Steve Lightfoot e mandata in onda su Netflix verrà accolta dai fan della casa di produzione americana.

The Punisher arriva dopo la miniserie The Defenders, nella quale si sono riuniti Daredevil, Luke Cage, Jessica Jones e Iron Fist. Nella seconda stagione di Daredevil abbiamo scoperto come lavora questo antieroe. Ora nella prima stagione di questa nuova serie tv scopriremo qualcosa in più sul personaggio. Forse ci verrà svelato qualche dettaglio in più sulla famiglia di The Punisher. In Daredevil Karen Page era l’unica a voler salvare Frank Castel.  The Punisher vorrà ancora l’aiuto della giornalista oppure si fiderà soltanto di se stesso?

Nel 2004 il personaggio dei fumetti Marvel approdò al cinema.  Il regista Jonathan Hensleigh ha deciso di cambiare l’ambientazione della pellicola. Nei fumetti la famiglia di Frank Castle venne sterminata a Central Park, uno dei parchi più famosi di New York, mentre nel film fu uccisa durante una riunione nella villa a Porto Rico. La pellicola poi prosegue nella città di Tampa in Florida. Possiamo dire che The Punisher al cinema non ha avuto molto successo.

Vedremo se la piattaforma streaming Netflix gli renderà giustizia. La Marvel in questi ultimi due anni con le serie tv non ha sbagliato un colpo.

 

Madre: l’horror psicologico con Jennifer Lawrence che non accontenta la critica a Venezia

Jennifer Lawrence

Madre, uno dei film più attesi della 74esima edizione del Festival del Cinema di Venezia, ha deluso le aspettative. Questo horror paranoico diretto da Darren Aronofsky e interpretato da due grandi star del calibro di Jennifer Lawrence, Javier Barden e Michelle Pfeiffer non ha trovato il gradimento della critica italiana. Per la  stampa italiana sembra che Aronofsky abbia girato una parodia di Shining e Rosemary’s Baby. Eppure il regista americano di origini russe e ucraine non è uno alle prime armi. Ha diretto pellicole come Requiem for a dream nel 2000, The Wrestler nel 2008 e il cigno nero, film del 2010 che lo anche candidato agli Oscar 2011 come miglior regista.  Sicuramente Aronofsky non riceverà il Leone d’oro per questa sua ultima pellicola. Al momento non sappiamo come verrà accolto oltreoceano visto che uscirà nelle sale americane soltanto il 15 settembre mentre in italia il 28. Forse la critica statunitense sarà più clemente verso il regista e la pellicola. Staremo a vedere. 

Da quel poco che possiamo sapere, Jennifer Lawrence e Javier Barden sono una coppia in procinto di sposarsi. Lui è uno scrittore di successo in cerca di una nuova fonte di ispirazione e lei la sua giovane musa ispiratrice rimettendo a nuovo la magione di campagna dove hanno deciso di abitare. Ad un certo punto compaiono dal nulla, Ed Harris e la moglie interpretata dalla bravissima Michelle Pfeiffer. La casa che la ragazza vorrebbe trasformare in paradiso diventa un vero e proprio inferno.  

Ora non ci resta che aspettare il 28 settembre per capire come sarà la reazione alla pellicola del pubblico italiano in sala. Nel caso in cui anche lo spettatore al cinema dovesse esprimere parere negativo, allora nel nostro paese Madre potrebbe essere un flop.  Comunque io non darei giudizi affrettati. Meglio aspettare fine mese così avremo sia quelli dello spettatore italiano che dello spettatore americano. 

 

 

 

The Batman di Matt Reeves non avrà collegamenti con il DCEU

Batman

The Batman, la nuova pellicola sul supereroe più famoso del mondo DC Comics insieme a Superman, non farà parte del DCEU. Ad annunciarlo è stato proprio il regista Matt Reeves che ora è alla ricerca di un nuovo Uomo Pipistrello.  In questo nuovo cinecomics Batman non avrà il volto di Ben Affleck. L’attore interpreterà il supereroe DC forse per l’ultima volta nella pellicola sulla Justice League in uscita nel mese di novembre. Questa decisione sembra sia stata presa dopo l’abbandono della regia e il fatto che forse il copione proposto dall’attore americano non aveva convinto del tutto i vertici della Warner Bros.  Al momento non sappiamo nè quale sarà il nuovo Batman e nè quale sarà la trama di questa nuova pellicola. Sappiamo solo che l’uscita nei cinema è stata posticipata dal 2018 al 2019.

La Warner Bros al Comic-Con 2017 di San Diego ha annunciato l’intenzione di voler produrre pellicole slegate dal DCEU. Il primo di questi film dovrebbe essere quello sulle origini del Joker che non avrà come protagonista Jared Leto che però potrebbe tornare in Suicide Squad 2 . Quindi dovrebbe essere un progetto simile a Wonder Woman, nel quale non c’era nessun riferimento alla Justice League. In un’intervista rilasciata nel mese di luglio, durante una delle più importanti fiere sul fumetto, Matt Reeves ha dichiarato che starebbe pensando ad una trilogia. Per quanto riguarda il ruolo del Villain non si sa ancora se verrà preso in considerazione Joe Manganiello che interpreterà Deathstroke, visto che il regista americano insieme a Geoff Johns sta riscrivendo la sceneggiatura. Tra gli altri progetti slegati dal DCEU c’erano The Flash che non ha ancora trovato un regista e Cyborg che sembra essere stato definitivamente accantonato.

Le riprese di questa nuova avventura dovrebbero iniziare nel 2018. Quindi dovremmo aspettare un bel pò prima di sapere qualche informazione in più sul nuovo Batman, la trama e la scelta del Villain. Finalmente vedremo al cinema una pellicola anche sulla squadra di supereroi del mondo DC Comics, dopo le tre sugli Avengers della Marvel.

 

M Night Shyamalan pronto a dirigere il seguito di Split

M Night Shyamalan

M Night Shyamalan pronto a dirigere il seguito di Split. Il film che uscirà nelle sale americane ed europee nel 2019 avrà un cast formato da James McAvoy, Samuel L.Jackson, Bruce Willis  e Ania Taylor-Joy. In questo sequel M Night Shyamalan ha deciso di inserire anche David Dunn e il cattivo sulla sedia a rotella Elaja Price soprannominato Mr Glass, protagonisti di Unbreakable. Ecco spiegato il motivo del cameo del breve cameo di Bruce Willis nella scena finale di Split che potrebbe essere candidato agli Oscar del 2018.

Dopo la conclusione di Split, Glass mostra Dunn all’inseguimento di Crumb la Bestia, in una serie di incontri sempre più ravvicinati, mentre l’oscura presenza di Price emerge come orchestratore che detiene segreti critici per entrambi gli uomini.

Quindi possiamo dire che M Night Shyamalan ha deciso di unire Unbreakable e Split. Comunque quello in uscita tra due anni dovrebbe essere l’ultimo capitolo della trilogia. Le premesse di un film migliore di quello uscito nel 2016 ci sono tutte vedendo anche la composizione del cast. Per avere qualche notizia in più su una delle pellicole più attese del 2019 bisogna aspettare i prossimi mesi.

Intanto i fan di James McAvoy possono andarlo a vedere al cinema  visto che in questi giorni è in programmazione nelle sale italiane l’action spionistico Atomica Bionda.  Bruce Willis lo vedremo nei prossimi mesi in almeno quattro pellicole tutte action. Quindi possiamo dire per l’attore americano il 2017 è stato bello impegnativo. Samuel L.Jackson invece lo vedremo al cinema nel mese di ottobre nell’action Come ti ammazzo il Bodyguard e nel 2018 nel nuovo capitolo degli Avengers, Infinity War.  Mr Night Shyamalan con Split e The Visit del 2015 è tornato alla grande. Tra il 2006 e il 2013 con i film Lady in the Water, E venne il giorno, L’ultimo dominatore dell’aria e After Earth che è stato un grande insuccesso non solo di pubblico ma anche da parte della critica americana. Tutti i fans del regista americano di origine indiana sperano che con la prossima pellicola non ritorni ai livelli del 2006. 

 

 

 

Daniel Craig torna al servizio della Regina per il nuovo 007

daniel craig

In questi ultimi due anni si sono fatti i nomi di moltissimi attori per il ruolo di James Bond nel nuovo film. Tra i papabili c’era Tom Hardy, Henry Cavill, Tom Hiddleston, Idris Elba e Michael Fassbender. L’attore irlandese di origine tedesca fino a qualche mese fa sembrava il favorito. Ora però Daniel Graig potrebbe tornare per la quinta volta a vestire i panni di James Bond. Il titolo provvisorio di questa nuova pellicola è Bond 25. L’attore britannico, sulla possibilità di tornare nel ruolo che lo ha reso celebre, in una recente intervista ha ribadito: “Si ci sto lavorando già da un paio di mesi. Ne abbiamo discusso, abbiamo cercato di sistemare un pò le cose perchè io volevo tornare, ma avevo anche bisogno di una pausa.Voglio uscire col botto e non vedo l’ora di lavorare al film”, facendo presagire che questa dovrebbe essere la sua ultima interpretazione dell’agente segreto più famoso del cinema. Sarà così? Dopo l’uscita di Spectre  Daniel  Craig  aveva  dichiarato:”Difficilmente mi rimetterò in gioco in questo ruolo”.

I fans dell’attore britannico sperano non sia l’ultima volta nei panni di James Bond. Invece quelli del personaggio dell’agente segreto inglese sperano che venga scelto un attore un pò più giovane rispetto a Daniel Craig. Fassbender come età potrebbe essere il degno sostituto dell’attore britannico nel ruolo di James Bond.  La Eon Production e la Metro – Goldwyn – Mayer hanno previsto l’uscita della pellicola per l’8 novembre 2019. Per avere qualche notizia in più dovremmo aspettare i prossimi mesi o addirittura l’inizio delle riprese. Bisogna capire anche chi interpreterà il ruolo del villain. Comunque si preannuncia una pellicola spettacolare. Soltanto l’uscita nelle sale americane ed italiane potrà dirci se sarà addirittura meglio di Spectre uscito nel 2015.

Indipendentemente da quale attore interpreterà James Bond il franchise legato all’agente segreto più famoso del cinema continuerà ad attrarre numerosi spettatori.  Senza andare troppo indietro nel tempo, Skyfall del 2012 ha fatto registrare 1 miliardo e 108 milioni di dollari worldwide di incasso mentre Spectre nel 2015 ne ha fatti registrare 880 milioni di dollari worldwide. 

 

Molise Cinema Film Festival quindicesima edizione

Molise Cinema Film Festival

Nelle giornate conclusive della quindicesima edizione del Molise Cinema Film Festival sono arrivati come ospiti gli attori Luigi Lo Cascio e  Lino Guanciale. Tra venerdì e sabato sono stati proiettati nel caratteristico comune di Casacalenda, alcuni film dell’attore siciliano poco conosciuti ma molto apprezzati come “Marina“, “La vita che vorrei“, “Mio cognato” e “La Città ideale”  del quale è stato sia il protagonista che il regista.

Nel suo incontro con il pubblico nella giornata di venerdì Luigi Lo Cascio ha parlato dei suoi inizi come attore di teatro. I suoi modelli di riferimento erano inevitabilmente attori provenienti da quel mondo. L’attore siciliano da giovane era anche uno sportivo. Lavorando nel teatro di strada girava l’Italia per seguire le gare di atletica, la sua più grande passione. Lo zio di Luigi Lo Cascio conosceva a memoria i tempi e le misure di tutte le gare di atletica.  Sempre nella giornata di venerdì c’è stata sia alle 17:00 che alle 20:30 per la sezione Paesi in corto una rassegna di corti internazionali diretti da registi polacchi, francesi, statunitensi, finlandesi, argentini, serbi, tedeschi. 

Nella giornata di Sabato il pubblico che affollava la zona dell’Arena ha potuto assistere alla proiezione di due film “Il padre d’Italia” con Luca Marinelli, fattosi conoscere al cinema per il personaggi de Lo Zingaro in Lo Chiamavano Jeeg Robot, e “Maria per Roma“.

Il Molise Cinema Film Festival  si è concluso nella giornata di Domenica 13 agosto. L’ultimo ospite della manifestazione è stato l’attore Lino Guanciale che ha presentato al pubblico presente nella zona dell’Arena il suo ultimo film uscito nel mese di maggio al cinema “I peggiori“. In un’intervista fatta da Molise Cinema prima della proiezione e dell’incontro con i suoi fans l’attore abruzzese ha dichiarato che per lui è sempre un piacere tornare a Casacalenda. Lui era già stato altre due volte al Molise Cinema Festival e in un’edizione come giurato per il concorso sui corti.  

Nella giornata di domenica c’è stata anche la premiazione della sezione Paesi in corto riguardante i corti internazionali vinta dal cortometraggio Le Grand Bain della regista francese Valerie Leroy.  Per la sezione Percorsi Corti Italiani il premio come miglior cortometraggio è stato vinto da Penalty di Aldo Iuliano. Per quanto riguarda la sezione documentari il premio come miglior documentario è stato vinto da The  Good Intentions di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber

 

 

 

David Hasselhoff pronto al ritorno per il reboot di Supercar

Supercar

David Hasselhoff potrebbe tornare ad interpretare il personaggio di Michael Knight che combatteva il crimine a bordo di Kitt un’auto supertecnologica e parlante. La serie Supercar andò in onda tra il 1982 e il 1986 diventando un cult degli anni ’80.  La sua ultima interpretazione al cinema è stata nel film Baywatch reboot della famosa serie tv andata in onda dal 1989 al 2001.

Per la versione cinematografica di Supercar potrebbe essere contattato James Gun.  David Hasselhoff ha già lavorato con il regista in Guardiani della Galassia Vol.2, dove fa una breve apparizione. In merito a questa collaborazione l’attore ha dichiarato:”Ho dato delle idee a James per Supercar e mi ha risposto alla grande. Se il progetto andrà avanti non voglio che venga snaturato come Baywatch o 21 Jump Street. Questi film hanno perso quello che rappresentano e bisogna rispettare i fan. Vedremo cosa accadrà col tempo, non posso dire nulla al momento”. Per sapere se David Hasselhoff tornerà a vestire i panni di Michael Knight al cinema, dovremmo aspettare i prossimi mesi.

Tra i film girati dall’attore americani negli ultimi quindici anni, soltanto la commedia Cambia la tua vita con un click del 2006 nella quale interpretava il capo di Adam Sandler ha avuto un discreto successo. Per il resto può essere ricordato per qualche suo cameo in Palle al Balzo -Dodgeball, una commedia nella quale interpretava sè stesso come allenatore della squadra di dodgeball tedesca e in una puntata dei Simpson.

David Hasselhoff può essere considerato più un grande attore di Serie Tv anni ’80 – ’90  che un attore cinematografico. Nell’immaginario collettivo verrà ricordato per i ruoli di Michael Knight in Supercar e Mitch Buchannon in Baywatch.  I fan dell’attore americano sono già in trepidante attesa di notizie su una conferma o smentita di questo reboot. Ormai nel cinema americano va di moda il reboot e cioè portare sul grande schermo serie cult degli anni ’80 e ’90.  Nelle sale italiane il 20 luglio è arrivato il film su Chips la serie anni ’80 che come protagonisti aveva gli agenti Baker e Poncherello.

 

Dustin Hoffman il “piccolo grande uomo” di Hollywood compie 80 anni

Dustin Hoffman “piccolo grande uomo” del cinema hollywoodiano compie 80 anni. Nasce a Los Angeles nel 1937. Dopo anni di gavetta nei teatri di Brodway arriva al successo.  Il regista Mike Nichols lo nota in uno spettacolo e decide che è perfetto per interpretare la parte di Benjamin il protagonista del film Il Laureato. Siamo nel 1967. Da lì in poi la carriera di Dustin Hoffman spiccherà il volo. Cinquant’anni di grandi successi.  Memorabili le sue interpretazioni in pellicole come “Un uomo da Marciapiede” del 1969, “Tutti gli uomini del Presidente” del 1976, “Kramer contro Kramer” del 1979, Tootsie una commedia del 1982  e infine Rain Man con Tom Cruise del 1988. Grazie a questo film Dustin Hoffman vince il suo secondo Oscar come miglior attore protagonista. Il primo è stato nel 1980 con la pellicola Kramer contro Kramer.

L’attore americano si è distinto in tutti questi anni per essere passato con grande facilità dal genere drammatico a quello western, avventura, per arrivare alla commedia.  Come non ricordare la sua interpretazione nel film Disney Hook Capitano Uncino del 1991 insieme al compianto Robin Williams e quella nella commedia Mi presenti i tuoi insieme ad un altro mito del cinema hollywoodiano come Robert De Niro e a Ben Stiller. La sua ultima apparizione è stata nella Serie Tv I Medici trasmessa nel 2016 sui canali Rai. A settembre di quest’anno inizieranno le riprese della seconda stagione che verrà mandata in onda soltanto nel 2018.

Tra i progetti futuri dell’attore americano c’è il film The Meyerowitz Stories una commedia su una famiglia allargata neyworkese di origine ebraica.La pellicola è stata presentata in anteprima al Festival di Cannes il 21 maggio 2017. Nel cast sono presenti anche Adam Sandler e Ben Stiller capostipiti della commedia americana anni ‘2000.La data di uscita non è stata ancora comunicata. Si sa soltanto che verrà distribuita dalla piattaforma di streaming Netflix.

 

Borg McEnroe una delle più grandi rivalità del tennis pronta a sbarcare al cinema

borg mcenroe

Borg McEnroe è uno dei film più attesi di questo autunno. L’uscita nelle sale italiane è prevista per il 9 novembre.  Il regista Janus Metz Pedersen ha deciso di raccontare il periodo compreso tra il 1970 e il 1980 nel quale lo svedese Borg e l’americano McEnroe si sfidarono ben 14 volte. L’apice di questa loro rivalità fu la mitica finale di Wimbledon del 1980. Ad interpretare i due protagonisti saranno gli attori Shia LeBeouf e Sverrir Gudnason. I produttori Jon Nohrstedt e Fredrick Nicastro hanno dichiarato:”Il nostro obiettivo è stato quello di onorare l’eredità di Bjorn Borg e John McEnroe con un film che possa coinvolgere e toccare i cuori del pubblico di tutto il mondo. Iniziare questo viaggio aprendo il TIFF ci rende felici”.  

Il film Borg McEnroe aprirà la quarantaduesima edizione del Toronto International Film Festival che si svolgerà dal 7 al 17 settembre 2017.  Quindi già tra un mese circa potremo sapere la reazione della critica americana su questo attesissimo film.  Questa pellicola si inserisce all’interno del filone sportivo. Fanno parte di questa categoria pellicole entrate a loro modo nella storia del cinema come Rocky, Space Jam, L’arte di vincere, l’allenatore nel pallone,Rush e Ogni Maledetta Domenica con il grande Al Pacino solo per citarne alcuni. Film che hanno segnato un’epoca. Ad esempio Space Jam ha segnato gli anni ’90. Qualsiasi bambino nato in quegli anni ha visto almeno una volta la pellicola diretta da Joe Pytka. Era il 1996, i Looney Tunes erano all’apice della loro carriera nel mondo dell’animazione e Michael Jordan era appena rientrato nella NBA con la maglia dei Chicago Bulls. Nel cast anche l’ex Ghostbuster Bill Murray. 

Questa è la prima pellicola non solo sul mondo del tennis ma sulla vita e la rivalità anche fuori dal campo tra Borg e McEnroe. Negli anni ’90 c’è stata la rivalità tra Agassi e Sampras che si sono affrontati 34 volte e tra Nadal e Federer nel periodo 2004-2009. In questi cinque anni si sono affrontati ben 37 volte.  Comunque per gli appassionati di tennis, la rivalità per eccellenza è stata quella tra Borg e McEnroe.

 

Terminator Schwarzenegger compie 70 anni

Schwarzenegger

Un mito del cinema d’azione anni ’80 come Schwarzenegger compie 70 anni.  L’ex Mr Olimpia e Mr Universo a soli vent’anni è diventato famoso grazie a pellicole come Conan il barbaro del 1982, Conan il distruttore del 1984,Terminator sempre del 1984, Commando del 1985, Predator del 1987. Schwarzenegger non ha recitato soltanto in film d’azione ma anche in commedie come i Gemelli con Danny De Vito, Un poliziotto alle elementari e Una promessa è una promessa. Ha fatto parte anche di un cinecomics Dc Comics  Batman & Robin diretto da Joel Schumacher.  L’ultimo film girato da Schwarzenegger è stato La Vendetta Aftermath un thriller uscito negli Usa il 7 aprile mentre in Italia è arrivato direttamente in home-video il 19 luglio.  

Nel 2003 Schwarzenegger ha deciso di intraprendere la carriera politica venendo eletto come governatore della California.  Il suo operato è stato apprezzato dai californiani rieleggendolo per un secondo mandato. Nel 2011, dopo la scadenza del suo mandato, è tornato a fare cinema.Essendo nato in Austria non poteva candidarsi per la presidenza degli Stati Uniti d’America.Dal 2011 Schwarzenegger è tornato con la stessa grinta che lo contraddistingueva 30 anni prima. Il primo film dopo l’abbandono della politica è stato I Mercenari 2 del 2012 insieme a Stallone, Jason Statam, Dolph Lundgren, Escape Plan – Fuga dall’Inferno ancora insieme all’amico Sylvester Stallone, The Last Stand Ultima Sfida, I Mercenari 3 , Contagius Epidemia Mortale e Terminator Genesys del 2015. Quasi tutte pellicole d’azione.

Al momento l’unica cosa che sappiamo è che Schwarzenagger continuerà a fare cinema ancora per molto tempo. Nei prossimi mesi l’attore di origine austriaca ha in programma il sesto capitolo della seconda trilogia di Terminator e il sequel del film i Gemelli del 1988 con Danny De Vito. Ancora non sappiamo quando inizieranno le riprese. Nei prossimi mesi ne sapremo di più sulle  pellicole nelle quali è impegnato.L’amico Sylvester Stallone ha voluto fargli gli auguri con una foto su Instagram nella quale i due attori erano nei rispettivi ruoli di gioventù. Sotto c’era la scritta: ” Buon Compleanno Arnold!!!! Finchè vivrai e anche dopo sarai sempre il grande uomo. Chi ha alzato la bandiera così in alto non sarà mai scavalcato, una leggenda di action-hero!