Baby Driver: Ansel Elgort il nuovo genio della fuga

Ansel Elgort

 Paese    GBR,USA
 Lingua    Inglese
 Anno    2017
 Durata    115 min

Baby Driver il genio della fuga è un film diretto da Edgar Wright, conosciuto come il regista della trilogia del cornetto che comprende l’horror-commedy La battaglia dei morti dementi, la commedia Hot Fuzz e la commedia fantascientifica La fine del mondo, e uscito nei cinema italiani il 7 settembre 2017. Nel cast troviamo Ansel Elgort nella parte di Baby l’autista, Lily James nella parte di Deborah, Jamie Foxx nella parte del criminale e Kevin Spacey in quella di Doc il boss.

La pellicola inizia con una rapina e una fuga per le strade della città. Tutto dipende da Baby che, grazie alla sua guida spericolata, riesce ad evitare il fallimento del colpo.  Ora l’adolescente all’apparenza autistico lavora per Doc un criminale. Un giorno ha avuto la sfortuna di rubare la sua macchina e per ripianare il debito deve fargli d’autista durante le rapine. Ogni volta che esce di casa ha l’abitudine di scegliere una canzone da suo Ipod, infilarsi le cuffie e isolarsi da ciò che lo circonda. Prima di tornare a casa, dove lo aspetta l’anziano patrignio, si ferma in una tavola calda dove conosce una cameriera di nome Deborah.  Baby per proteggerla le racconta che lavora come autista, senza mai svelarle chi sia il suo capo. Riuscirà un giorno a smettere con questo lavoro e rifarsi una nuova vita? Quali conseguenza potrebbe avere questa voglia di libertà da parte di Baby?

Un film ben fatto, che ti coinvolge sin dalla prima scena. Scelta del cast azzeccata. Kevin Spacey ormai ci ha preso gusto a fare la parte del cattivo anche al cinema. Nella commedia “Come ammazzare il capo ed essere felici” interpreta il ruolo di Harken, un odioso capo d’azienda che pensa solo ai suoi interessi e in Superman Return del 2006 interpreta Lex Lutor, acerrimo nemico del supereroe DCComics. Nella serie tv  House of Card, arrivata alla quinta stagione, interpreta Frank Underwood un politico eletto tra i democratici in cerca di vendetta nei confronti del neo presidente USA, mostrando di cavarsela anche sul piccolo schermo. Jamie Foxx sembra a suo agio nel ruolo del criminale omicida il cui nickname è “Pazzo”. Ansel Elgort è perfetto nel ruolo di Baby, l’autista con la passione per la guida spericolata. Nonostante sia il suo primo ruolo da protagonista se l’è cavata molto bene.

Comunque in questa pellicola non ci sono solo sparatorie e folli corse in giro per la città per evitare le pattuglie della polizia. C’è spazio anche per una storia d’amore tra uno spericolato autista adolescente e la cameriera di una tavola calda. Se siete fan di Kevin Spacey, Jamie Foxx, Ansel Elgort o  semplicemente amanti del genere action correte subito al cinema, non vene pentirete. Comunque se siete in difficoltà sapete già chi chiamare.

Voto:3,5/5

 

 

 

 

 

Dunkirk il capolavoro di Christopher Nolan

Christopher Nolan

 Paese    USA,GB,FRA
 Lingua    Inglese
 Anno    2017
 Durata    106 min

Dunkirk è l’attesissimo film diretto da Christopher Nolan e uscito nelle sale italiane il 31 agosto 2017.  Per questa pellicola il regista britannico ha messo insieme un cast di primo ordine con attori del calibro di Kenneth Branagh che a dicembre vedremo nuovamente al cinema nel film Assassinio sull’Orient Express, Cillian Murphy noto al grande pubblico per film come Batman Begins, Il Cavaliere Oscuro e Inception e Tom Hardy diventato famoso grazie a Il cavaliere oscuro Il ritorno, Child 44, Revenant Legend e Taboo la serie tv trasmessa da Sky Atlantic nel mese di aprile.

Dunirk racconta la storia di alcuni sodati britannici e francesi che si trovano bloccati sulle spiagge di Dunkerque, cittadina al confine con il Belgio, in attesa di scappare dall’assedio tedesco e rientrare in patria. Christopher Nolan ci mostra non solo chi è bloccato al molo, ma anche alcuni piloti della Royal Air Force che con i loro cacciatorpediniere stanno raggiungendo la spiaggia di Dunkerque e fornire supporto alle navi della marina britannica.  I protagonisti inconsapevoli di questa operazione di salvataggio denominata “Operazione Dynamo” sono anche soldati senza nome come il francese aiutato da un militare inglese a seppellire il cadavere di un uomo in una delle scene iniziali della pellicola.

Christopher Nolan ha raccontato questo pezzo di storia della seconda Guerra Mondiale come solo lui sa fare. Sembra quasi che lo spettatore in sala rivivesse in prima persona le ansie, i sentimenti e il terrore provati dai soldati inglesi 77 anni fa. Ogni tanto il cinema riporta alla luce eventi storici ormai dimenticati e dei quali non si parla neanche nei libri di scuola. E’ proprio il caso di dirlo, un film da Oscar. Se lo meriterebbe visto che l’Accademy non è mai stata tenera nei suoi confronti. Per Christopher Nolan in questi anni sono arrivate soltanto candidature e mai un premio.

Se non ancora lo avete fatto correte al cinema a vedere questa storia di sopravvivenza da parte di 400 mila valorosi soldati britannici accolti da eroi in patria. Anche a voi sembrerà di essere catapultati nel 1940 su quella spiaggia.

 Voto: 5/5

 

 

Atomica Bionda

Atomica Bionda

 Paese    USA
 Lingua    Inglese
 Anno    2017
 Durata   115 min

Atomica Bionda è il nuovo action diretto da David Leitch uscito nelle sale italiane il 17 agosto.  Nel cast del film ci sono attori del calibro di Charlize Theron, James McAvoy, John Goodman e Sofia Butella che il pubblico ha imparato a conoscere per il ruolo della Mummia nel film The Mummy con Tom Cruise.

La pellicola è ambientata nella Berlino prima della caduta del Muro. La protagonista è Lorraine Broughton agente dell’MI6 britannico che viene interrogata dal suo superiore e un agente della Cia i quali vogliono sapere cosa sia successo nella capitale tedesca. Da qui iniziano i flasback della spia inglese relativi alla sua missione e all’incontro con David Persival. L’obiettivo è il recupero di una lista contenente i nomi delle spie clandestine di Berlino, che prima apparteneva ad un agente sotto copertura. Una volta arrivata in Germania Lorraine dovrà fare i conti anche con i russi del KGB. Quali nomi nasconde quella lista? Come mai tutti la vogliono?

Uno degli action più adrenalinici di sempre. Charlize Theron se la cava molto bene nelle scene d’azione e soprattutto in un genere che ha visto sempre trionfare il genere maschile.  Ho apprezzato anche il personaggio di James McAvoy. Ho trovato molto interessante la scelta del regista di ambientare la pellicola nella Berlino di fine anni ’80 e più precisamente nei giorni che hanno preceduto un evento che ha cambiato il corso della storia, la caduta del Muro.  

Il regista David Leitch in una recente intervista ha aperto alla possibilità di un sequel e trasformare il personaggio di Lorraine  in una nuova Jason Bourne o Ethan Hunt, anche se ha dichiarato che la scelta finale sarà della Universal Pictures che ha prodotto questa prima pellicola. Dell’argomento ne ha parlato anche Charlize Theron che si è detta disponibile a tornare nei panni dell’agente britannica.

Se anche voi siete amanti delle atmosfere della Berlino anni ’80 ma soprattutto fan di Charlize Theron e James McAvoy allora Atomica Bionda è il film che fa per voi. Uscirete dalla sala soddisfatti.

Voto: 4/5

 

 

Spider-Man:Homecoming

Spider-Man Homecoming

 Paese    USA
 Lingua    Inglese
 Anno    2017
 Durata    133 min

Spider- Man:Homecoming è il nuovo cinecomics della Marvel diretto da Jon Watts. Il film è uscito nelle sale italiane il 6 luglio 2017 mentre negli Usa il 7 luglio. Nel cast oltre a Tom Holland nei panni del protagonista, ci sono anche Robert Downey Jr che torna ad interpretare Tony Starks e Michael Keaton questa volta dalla parte dei cattivi.

Il protagonista di questa pellicola è un Peter Parker quindicenne che la mattina veste i panni dello studente in una High School newyorkese. Nei primi minuti della pellicola Jon Watts ci mostra dei video diari fatti da Peter Parker durante lo scontro con Captain America, Occhio di Falco. La sua ambizione è entrare a far parte degli Avengers. La sua vita scorre tranquilla, come un normale adolescente.Quando Tony Stark gli dona un costume da Spider-Man supertecnologico, la vita del supereroe inizia a prendere forma. Iron Man il suo mentore, non vuole che si esponga a grossi rischi e che rimanga soltanto un “amichevole Spider-Man di quartiere”, ma quando la minaccia dell’Avvoltoio si fa più seria Peter decide di intervenire. Pur di mettere fine ai diabolici piani del suo acerrimo nemico, non solo salta la scuola ma anche un’importante gara a livello nazionale che i compagni di classe riescono comunque a vincere.  Peter vuole a tutti i costi impressionare Tony Stark, l’unico che ha creduto in lui. Riuscirà a mantenere segreta la sua identità e allontanare la minaccia dell’Avvoltoio?

In questa pellicola abbiamo visto la terza versione di Spider-Man che per la prima volta entra a far parte del Marvel Cinematic Universe. Rispetto agli altri due interpretati da Tobie Maguire e Andrew Garfield l’azione viene mischiata all’ironia.

Consiglio la visione di Spider-Man Homecoming anche a chi non è amante dei cinecomics Marvel. Non ve ne pentirete. Alla fine anche voi amerete lo Spider-Man interpretato da Tom Holland. Comunque non abbiate paura, il giovane Uomo Ragno lo potremo ritrovare nella terza pellicola sugli Avengers dal titolo Avengers Infinity War in uscita nel 2018 e nel sequel Spider-Man: Homecoming 2  in uscita nel 2019.

Voto 3/5

 

2:22 Il destino è già scritto

 Paese    USA,AUS
 Lingua    Inglese
 Anno    2017
 Durata    98 min

2:22 Il destino è già scritto è il nuovo thriller uscito nelle sale 29 giugno e diretto da Paul Carrie.  Il regista  è alla sua seconda esperienza dietro la macchina da presa dopo la pellicola del 2004  One Perfect Day ambientata in Australia, che ha avuto poco successo.  Nel cast del film troviamo Michieil Huisman, noto al grande pubblico per il film Adaline L’eterna giovinezza  e per aver preso parte alla quarta stagione di Il trono di Spade nel ruolo di Daario Naharis e Teresa Palmer che il pubblico ha avuto modo di apprezzare nell’ultima pellicola di Mel Gibson La Battaglia di Hacksaw Ridge.

2:22 Il destino è già scritto ha come protagonista Dylan un controllore di volo di un’aeroporto newyorkese. Lui svolge il suo ruolo con scioltezza facendo cose che per gli altri risultano inconcepibili. Dylan riesce anche a costruirsi degli schemi dove gli altri suoi colleghi vedono il caos.  Un giorno però perde la sua sicurezza sul lavoro, a causa di una serie di eventi che si ripetono per tutta la mattinata fino alle 2:22 alla Grand Central Station di New York. Alla fine però riesce a salvare 900 persone da morte certa evitando lo scontro tra due aerei.  Una sera a teatro conosce Sarah una ragazza che lavora in una galleria d’arte e che si trovava su uno dei due voli. Tra i due scatta subito il feeling, come se si conoscessero da sempre. Anche la relazione tra Sarah e Dylan sembra rientrare nello schema di eventi che ripetono quotidianamente e che termineranno con una sparatoria proprio alla stazione dei treni.  Il giovane controllore di volo dovrà porre rimedio alla situazione prima che sia troppo tardi.

La pellicola bisogna seguirla dall’inizio alla fine senza perdere nessun passaggio se si vuol capire perchè Dylan sia ossessionato dagli eventi che succedono alle 2:22 alla stazione dei treni di New York. Inizialmente si fa un pò fatica a capire cosa stia succedendo nella mente di Dylan, ma con il prosieguo del film tutto risulta essere più chiaro.  La trama nella prima parte risulta essere un pò confusa.

Se anche a voi piacciono questi thriller basati sulle premonizioni  allora 2:22 il destino è già scritto  è quello che fa per voi.  I più famosi su questo filone cinematografico sono stati Minority Report ambientato nel futuro e la saga Horror Final Destination  conclusasi nel 2011 con il quinto ed ultimo film.

VOTO 3/5

 

 

La Mummia

 Paese    USA
 Lingua    Inglese
 Anno    2017
 Durata    107 min

Giovedì 8 giugno è uscito nelle sale italiane  il film La Mummia diretto  da Alex Kurtzman.  Nel cast della pellicola  anche due star hollywoodiane come Tom Cruise e Russell Crowe.

La pellicola narra la storia del soldato americano Nick Morton che insieme ad un suo collega viene mandato in ricognizione nell’Iraq settentrionale. Disubbidendo al suo Superiore decide di recuperare un’antica tomba, grazie anche alla mappa sottratta all’archeologa Jenny Halsey.  Nel tentativo di salvarla dalle mani degli integralisti islamici viene bombardata dai droni.  Questo apre l’accesso ad una grotta nella quale si trova il sarcofago della principessa egizia Ahmanet.  Dopo averlo recuperato lo caricano su un aereo militare pronto a portarlo a Londra. Durante il volo i poteri della principessa fanno precipitare l’aereo. Nick dovrebbe essere morto nello schianto insieme al resto delle persone che erano con lui, invece si risveglia all’interno di un obitorio miracolosamente illeso.  Riuscirà il dottor Henry Jekill insieme alla sua organizzazione segreta a spezzare la maledizione della principessa Ahmanet?

La pellicola da l’inizio ad un nuovo franchise chiamato Dark Universe ideato dalla Universal per contrastare la Marvel e la Dc Comics. Il film è molto Dark, quasi Horror. Ho apprezzato più questa versione 2017 che le i primi due film della saga usciti nel 1999 e nel 2001 e poi Tom Cruise e Russell Crowe valgono da soli il prezzo del biglietto. La pellicola ti tiene in tensione dall’inizio alla fine. La Universal ha annunciato che per quanto riguarda il Dark Universe usciranno altri cinque film The Bride of  Frankenstein, uno sull’Uomo Invisibile, uno sull’Uomo Lupo, uno su Van Helsing e un altro sul Mostro della Laguna Nera.

Se siete fan della saga su La Mummia sicuramente apprezzerete anche quest’ultimo film. Consiglio di andare al cinema a vedere questa attesissima pellicola. Sicuramente non ne rimarrete delusi e uscirete soddisfatti dalla sala. Posso dire che con La Mummia  il Dark Universe, nuovo franchise Universal, promette bene.

Voto 3/5 

 

Pirati dei Caraibi La vendetta di Salazar

 Paese   USA
 Lingua    Inglese
 Anno    2017
 Durata    135 min

Il 24 maggio è uscito nelle sale italiane l’attesissimo quinto capitolo di una delle sage più famose sul mondo dei pirati: Pirati dei Caraibi-La vendetta di Salazar diretto da Joachim Ronning. Nel cast della pellicola oltre a Johnny Deep ci sono Javier Barden, Geoffrey Rush, Kaya Scodelario e Brenton Thwaites.  

Il film inizia con Henry Turner che va alla ricerca di suo padre Will. Una volta trovato gli implora di tornare a casa. Lui gli dice che la maledizione dell’Olandese volante nella quale è intrappolato non può spezzarsi. Henry non si arrende e va alla ricerca di Jack Sparrow. Insieme al famoso pirata spera di trovare il  tridente di Poseidone. Durante la sua ricerca Henry si imbatte in Carina Smyth, una ragazza che fa l’astrologa ma viene scambiata per strega. Lei è l’unica che può aiutarlo nella sua missione. A Jack, Carina e Henry si aggiunge anche il capitano Barbosa. Il nemico questa volta è il capitano Salazar un condottiero spagnolo che solcava i mari in cerca di pirati da uccidere, fino a quando non fu un giovane Jack Sparrow a sconfiggerlo  e farlo cadere nella maledizione del triangolo del Diavolo. Ora il capitano spagnolo è  pronto ad avere la sua vendetta. 

Di questo film ho apprezzato le atmosfere che rimandano ai primi due capitoli della saga, gli effetti speciali e il trucco del personaggio di Salazar. Nonostante Javier Barden si sia calato molto bene nel personaggio, il miglior villain della saga rimane Davy Jones che appare sia nel secondo che nel terzo capitolo. Della trama non mi è piaciuto lo sviluppo di un personaggio come Will Turner. Visto che era stato annunciato il suo grande ritorno in questo capitolo speravo gli venisse dato più spazio. Nonostante questo il mio giudizio sulla pellicola è positivo. 

Questo veramente è l’ultimo capitolo della saga o ce ne sarà un sesto? Staremo a vedere. La Disney potrebbe anche sorprenderci chiedendo a Johnny Deep di vestire ancora una volta i panni del famoso pirata. 

Se anche voi siete amanti della saga e dei film sui pirati salpate insieme al capitano Jack Sparrow alla ricerca del tridente di Poseidone. Non vi pentirete di essere saliti a bordo della sua nave. 

Voto 3/5

 

 

Wonder Woman

Wonder woman

 Paese    USA
 Lingua  Inglese
 Anno    2017
 Durata    141 min

Dopo i non esaltanti risultati dei precedenti cinecomics la DC Extend Universe esce nelle sale di tutto il mondo con Wonder Woman.  La regista della pellicola uscita in Italia il 1 giugno è  Patty Jenkins, la quale si è fatta notare per il film Monster che è valso a Charlize Theron l’Oscar come miglior attrice protagonista. Nel cast troviamo Gal Gadot nel ruolo della protagonista e Chris Paine nel ruolo di una spia inglese.

Il film racconta le origini di Wonder Woman. Diana è la figlia di Ippolita, la regina delle Amazzoni, e vive insieme alla madre e altre guerriere su un’isola che Zeus ha concesso al suo popolo.  La sua voglia di combattere è talmente forte che viene addestrata dalla zia Antiope, la più forte delle Amazzoni. Un giorno però arriva sull’isola una spia inglese di nome Steve che precipita con il suo aereo. Per fortuna Diana lo salva da una morte certa.  I tedeschi contro i quali combatteva  riescono a trovarlo e prendono d’assedio l’isola. Nel combattimento viene uccisa Antiope. Diana pensando che tutto questo possa essere opera di Ares il dio della guerra, decide di andare a combattere insieme a Steve nel mondo degli umani. Riuscirà a trovare l’acerrimo nemico del suo popolo e porre fine alla guerra?

Il film è ben fatto. Ne ho apprezzato anche la trama. In Wonder Woman c’è anche un messaggio anti-bellico, con la protagonista Diana che non riesce a capire perchè le persone siano in lotta tra di loro. Siccome lei proviene da un’altra cultura, le sembra tutto inconcepibile. Il film è uscito da soltanto un giorno in Italia e quindi non possiamo ancora dire se è un successo.  In attesa di un sequel potremo vedere nuovamente Wonder Woman sul grande schermo a novembre per il film Justice League.

Se anche voi siete amanti del mondo dei supereroi allora non potete perdervi Wonder Woman, un mix di azione e mitologia greca. Uscirete dalla sala soddisfatti.  

Voto: 3/5

 

 

 

Scappa-Get Out

scappa-get out

 Paese    USA
 Lingua    Inglese
 Anno    2017
 Durata    103 min

Scappa- Get Out è il nuovo horror psicologico uscito nelle sale il 18 maggio 2017 e diretto da Jordan Peele. Questo è l’esordio dietro la macchina da presa dell’attore-regista afroamericano. Il tema è quello del razzismo visto questa volta nel 2017 e non nel passato come in 12 anni Schiavo o Il Diritto di Contare. Nel cast troviamo Daniel Kaluuya, noto al grande pubblico per aver recitato  nel secondo episodio della prima stagione di Black Mirror e Bradley Whitford conosciuto per aver preso parte a pellicole come Save Mr Banks insieme a Tom Hanks, L’uomo Bicentenario con Robin Williams e all’Horror Quella casa nel bosco.

Rose porta il suo ragazzo Chris  a  conoscere la sua famiglia. Lei non ha comunicato ai genitori che il suo fidanzato è di colore.   Inizialmente sembra essere un tranquillo weekend. Non c’è nulla di strano.  A cena Jeremy racconta un aneddoto divertente sull’adolescenza della sorella Rose.  Poi nel cuore della notte  Chris  si alza e se ne esce in giardino perchè non riesce a prendere sonno. Di colpo vede arrivare di corsa il giardiniere anche lui afroamericano.  La famiglia Armitage che all’inizio sembra ospitale nasconde oscuri segreti. La madre di Rose lavora come psicologa e cura i suoi pazienti tramite ipnosi. Il giorno della rimpatriata l’atmosfera è strana. Chris è l’unico afroamericano e si sente osservato, giudicato anche se la fidanzata Rose cerca di non farglielo pesare. Ad un certo punto trova un ragazzo, anche lui di colore, accompagnato da una signora molto più grande di lui.  Nel bel mezzo di una conversazione inizia a sanguinare dal naso e mentre aggredisce fisicamente Chris pronuncia la parola “Scappa“. Cosa avrà voluto dire? Era un’invito ad abbandonare subito la casa? 

In Scappa-Get Out, film che ho molto apprezzato, il regista mescola vari sottogeneri dell’Horror tra i quali anche lo splatter. In una delle scene finali il volto di Dean il padre di Rose è raccapricciante e agghiacciante. Se anche voi siete amanti degli horror thriller scappate a vederlo al cinema. Non ve ne pentirete.

Voto: 3/5

 

 

King Artur il potere della spada

 Paese    USA
 Lingua    Inglese
 Anno    2017
 Durata   126 min

 

King Arthur il potere della Spada è un film diretto da Guy Ritchie e uscito nelle sale italiane il 10 maggio 2017. Nel cast della pellicola Charlie Hunnam nella parte del protagonista, ci sono anche Jude Law e Eric Bana noto al grande pubblico per il ruolo di Ettore nella pellicola Troy. JudeLaw e Guy Ritchie avevano già lavorato con ottimi risultati nelle due pellicole su Sherlock Holmes. 

In King Arthur il potere della spada ci troviamo nella Londinium del tardo medioevo. Per le strade di questa città si aggira Artù un ragazzo proveniente da una famiglia nobile ma che lo zio Vortigern, diventato re dopo aver spodestato il padre, aveva fatto crescere in un bordello. Viene addestrato alle arti marziali da Kung Fu George, un uomo cinese dal nome buffo, del quale non si sa praticamente nulla. Non ci viene neanche spiegato il perchè si trovi a Londinium.  Nel prologo iniziale Guy Ritchie ci mostra il padre mentre è in battaglia per difendere il suo regno. Attorno a lui ci vengono mostrati Elefanti, mostri che volano  e la magia.  Artù però solo dopo aver estratto la spada appartenuta al padre dalla roccia comprende qual’è realmente il suo destino.  Nella pellicola troviamo anche un cameo dell’ex calciatore David Beckham amico del regista. 

Il King Arthur di Guy Ritchie è completamente diverso dai precedenti film sul personaggio medievale. Rispetto al King Arthur con Clive Owen del 2004 e al Re Artu interpretato da Sean Connery in Il primo Cavaliere del 1995, c’è molta più azione. In questa rivisitazione in chiave moderna c’è anche l’introduzione del fantasy, forse per avvicinare anche i giovani al personaggio e l’utilizzo del 3D. 

In questo film però mancano alcuni personaggi principali come Merlino che viene solo nominato, Ginevra e Lancillotto. Forse verranno esplorati in un possibile sequel. Il film è uscito nelle sale italiane da circa dieci giorni e da circa una settimana negli USA. Per avere qualche notizia in più su un possibile sequel dovremmo aspettare i prossimi mesi.  Questo film mi ha incuriosito non solo per la presenza di Jude Law nel cast ma anche per la scelta di inserire l’action e il fantasy. Una pellicola che ho apprezzato e consiglierei di andare a vedere, soprattutto a chi non si aspetta di ritrovare la trasposizione classica del libro “le Morte D’Artur” scritto da Thomas Mallory nel 1485.  

Voto 3/5