Il Festival di Cannes festeggia 70 anni di cinema

Il Festival di Cannes festeggia 70 anni. La prima edizione ci fu nel 1946. Gli organizzatori decisero di consegnare 11 Grand Prix a film di diverse nazionalità. Tra le pellicole premiate c’era anche Roma Città Aperta di Roberto Rossellini.  Nel giro di qualche anno diventò insieme alla Mostra del Cinema di Venezia uno degli eventi cinematografici più importanti al mondo. Da allora molte cose sono cambiate. La prima è stata lo spostamento del periodo di inizio del Festival. Da Settembre si è passati a Maggio.  Dal 1991 è stato introdotto dal presidente del Festival Gilles Jacobs un nuovo spazio chiamato la “Lezione di cinema”, un incontro tra un regista famoso e un pubblico di critici, cinefili, studenti di cinema. Ispirandosi a questo nuovo spazio nel 2003 è stata creata la “Lezione di musica” nella quale c’è l’incontro del pubblico con i più grandi compositori di musiche per il cinema e nel 2004 la “Lezione d’attore”coinvolgendo anche gli attori in questi incontri.

La settantesima edizione del Festival francese, si è conclusa con la Palma d’oro 2017 consegnata al registra svedese Ruben Ostlund per il provocatorio The Square, un ritratto della società contemporanea visto attraverso il personaggio del  curatore di un museo di arte moderna. Durante la preparazione di una mostra che dovrebbe essere un invito all’altruismo e alla solidarietà accadono degli eventi strani come il furto di un cellulare.

Per quanto riguarda gli altri premi Il Grand Prix Speciale della Giuria è andato al film 120 battements par minute, quello della mise en scene a Sofia Coppola per il film L’inganno, quello du scenario alle pellicole The King of a Sacred Deer e You Were Never Really Here, quello d’interpretation feminine a Diane Kruger per la pellicola Asus dem Nichts, quello d’interpretation masculine a Joaquin Phoenix per You Were Never Really Here  e infine il premio della Giuria a Nelyubov di Andrei Zviaguintsev. Per quanto riguarda la sezione Un Certain Regard, da segnalare il premio come migliore interpretazione all’attrice italiana Jasmine Trinca per il film Fortunata.

A Cannes erano presenti anche molte star hollywoodiane come l’attore Will Smith, l’attrice Nicole Kidman che ha ricevuto un premio speciale per il settantesimo anniversario del Festival e il regista Pedro Almodovar presidente di Giuria.

La cerimonia di chiusura del Festival di Cannes è stata molto snella e condotta con grande maestria da Monica Bellucci che ha scelto un monologo nel quale ha ricordato “il valore del cinema, arte che ci permette di dialogare con le nostre coscienze. Abbiamo parlato della violenza del cinema, dei famosi  scandali  di Cannes, ma se pensiamo a quello che accade oggi, niente è più violento della realtà”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *