Free State of Jones

 Paese    USA
 Lingua    Inglese
 Anno    2016
 Durata    139 min

Free  State of Jones è un film uscito in Italia  il 1  dicembre e distribuito dalla 01 Distribution.  La pellicola è ambientata nell’America del 1862  durante la guerra civile. Il protagonista è Newt Knight un infermiere dell’esercito sudista. Avendo sopportato troppe ingiustizie, decide di disertare riportando a casa il cadavere del giovane nipote, al quale non è stato prestato soccorso. Arrivato a casa diventa testimone di altri soprusi da parte dei soldati confederati. Da  quel momento l’ex infermiere  e soldato sudista, inizia a raggruppare persone di razza nera e bianca, per opporsi alla repressione militare. Da quel moneto la contea di Jones in Missisipi, diventa uno Stato Libero.

Mattew McConaughey torna al cinema otto mesi dopo l’uscita del film  La foresta dei sogni.  Per questo dramma si cala a pieno non  solo nel periodo storico ma anche nel personaggio. Per il ruolo di Newt Knight, il regista Gary Ross non poteva fare una scelta più azzeccata di questa. Nella pellicola è presente anche l’attore Maershala Ali che gli appassionati di serie tv, soprattutto quelle Marvel, ricordano per il ruolo di Cornell”Cottonmouth” Stokes, nella prima stagione di Luke Cage.  Al cinema ha recitato anche in film come Il curioso caso di Benjamin Button, Come un Tuono e infine Hunger Games: Il canto della rivolta Parte I e Hungher Games: Il canto della rivolta Parte II.

Per il tema trattato forse potrebbe essere inserito nella cinquina finale per il miglior film alla cerimonia degli Oscar.  Vedremo se l’ambientazione storica sensibilizzerà la giuria dell’Accademy. Certo il tema ripreso  dal regista  è più vicino alla cultura americana che quella italiana, ma la sola presenza del premio oscar Mattew  McConaughey  è garanzia di successo. In questa pellicola però è presente un tema  come  il razzismo, del quale si discuteva non solo 150 anni fa ma anche oggi. Per fortuna dopo tutti questi anni, negli Usa l’odio nei confronti dei neri è soltanto un lontano ricordo.

 

Voto: 3/5

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *