Sky Atlantic dal 16 maggio ci riporta indietro al 1993

 Paese    Italia
 Lingua   Italiano
 Anno    2017
 Stagioni   2
 Episodi    8

1993 La serie  debutterà su Sky Atlantic il 16 maggio.  Ritroveremo molti degli attori presenti in 1992 come, Stefano Accorsi, Miriam Leone, Tea Falco, Domenico Diele, Antonio Gerardi e Guido Caprino. Ci saranno anche alcune new entry come Laura Chiatti, Paolo Pierobon, Vinicio Marchionni che si è fatto apprezzare dagli amanti delle serie tv per il ruolo del Freddo in Romanzo Criminale – La serie e infine Elena Radonicich. Per far entrare lo spettatore ancora di più nell’atmosfera dei primi anni ’90, Sky Atlantic +1 è diventato Sky Atlantic 1993.

Questa seconda stagione inizia pochi mesi dopo la conclusione della prima. Riparte dal 30 aprile 1993,quando una folla tirò una pioggia di monetine su Bettino Craxi di fronte l’hotel Raphael di Roma. Leonardo Notte il protagonista, lascia il suo lavoro da pubblicitario per buttarsi in politica al fianco di Silvio Berlusconi ed entrare a far parte del nascente partito di Forza Italia ma, il suo passato continuerà a tormentarlo.  Al suo fianco ci sarà la new entry Anna.  Pietro Bosco eletto in parlamento con il partito della Lega Nord, nonostante la sua ossessione per Veronica, capisce che il ruolo del politico gli calza a pennello. Il pm Antonio di Pietro e il poliziotto Luca Pastore continuano la loro battaglia per Mani Pulite.Veronica Castello è riuscita a diventare una showgirl molto apprezzata a livello nazionale, ma dovrà affrontare colleghe molto agguerrite. Bibi Mainaghi ora ha ricchezza e potere ma è sola ed il fratello si sta perdendo.

Sky ha già annunciato che ci sarà un terzo seguito, forse quello conclusivo, dal nome 1994 e incentrato sulla definitiva ascesa politica di Silvio Berlusconi. Rispetto alla prima stagione, questa seconda avrà due episodi in meno, invece di 10  8.  

C’è molta curiosità verso il personaggio di Massimo D’Alema interpretato da Vinicio Marchionni. E’ la prima volta che interpreta il ruolo di un politico.  Quindi non resta che aspettare il 16 maggio e goderci questa attesissima seconda stagione, perchè ogni rivoluzione ha un prezzo.  

 

David di Donatello 2017

Ieri sera presso gli Studi De Paolis di Roma, si è svolta la cerimonia di premiazione della sessantaduesima edizione dei David di Donatello. Il presentatore della serata era Alessandro Cattelan. I   vincitori più attesi erano Indivisibili e La Pazza Gioia che avevano ottenuto 17 nomination  e Veloce come il Vento che invece era arrivato a quota 16. Per quanto riguarda i premi minori, quello come miglior costumista a Massimo Cantini Parrini per il film Indivisibili, miglior truccatore a Luca Mazzoccoli per Veloce come il Vento, miglior scenografo Tonino Zera per La Pazza Gioia, Miglior acconciatore Daniela Tartari sempre per La Pazza Gioia, miglior montatore Gianni Vezzosi per Veloce come il Vento, migliore autore della fotografia Michele D’Attanasio per il film Veloce come il Vento, miglior musicista Enzo Avitabile per Indivisibili, miglior suono Angelo Bonanni, Diego De Santis,Mirko Perri per Veloce come il vento, migliori effetti digitali per Veloce come il vento, miglior documentario Crazy for Football, miglior cortometraggio A casa mia, miglior film dell’Unione Europea Io Daniel Blake regia di Ken Loach, Miglior film straniero Animali notturni di Tom Ford, Premio David giovani In guerra per Amore di Pierfrancesco Diliberto e premio 3 Future Award per Il più grande sogno di Michele Vannucci, Miglior produttore Attilio De Razza e Pierpaolo Verga per Indivisibili, miglior sceneggiatura adattata  Gianfranco Cabiddu, Ugo Chiti   per La stoffa dei Sogni, miglior regista esordiente Marco Danieli per La ragazza del Mondo, miglior canzone originale Abbi Pietà di noi scritta da Enzo Avitabile per la pellicola Indivisibili.

Per quanto riguarda i premi più importanti di questi David 2017, i pronostici sono stati rispettati. Come miglior Regista ha vinto Paolo Virzì per La pazza gioia, miglior attore non protagonista Valerio Mastandrea per Fiore, migliore attrice non protagonista Antonia Truppo per Indivisibili, migliore attore protagonista Stefano Accorsi per Veloce come il Vento, migliore attrice protagonista Valeria Bruni Tedeschi per La pazza gioia, miglior sceneggiatura originale Nicola Guaglione, Barbara Petronio e Edoardo De Angelis per Indivisibili e infine il premio più atteso, quello per il miglior Film è andato a La pazza gioia.

Quindi possiamo dire che i film con più vittorie in questi David di Donatello, sono stati Indivisibili e Veloce come il vento con sei e La pazza gioia con 5. In questa serata è stato consegnato anche il David alla Carriera.  A vincerlo è stato Roberto Benigni. Questa cerimonia verrà ricordata anche per il discorso di Valeria Bruni Tedeschi, che sul palco ha chiamato la sua collega Micaela Ramazzotti. Nella sua lista, l’attrice torinese ha voluto ringraziare:”gli uomini che mi hanno amata,che ho amato e quelli che mi hanno abbandonata”.